Foto articolo iserniatour.it - //www.molisetour.it/blog/foto/blog/bl_1806301505452773.jpg
Se sei curioso e vuoi sapere
altro clicca qui!


MACI Museo Arte Contemporanea Isernia


Dal 12 marzo 2004 l'Italia si arricchisce di un nuovo centro per l'arte contemporanea, con il Museo Arte Contemporanea Isernia, il primo in Molise, nelle sale del Palazzo della Provincia.

Dal 12 marzo 2004 l'Italia si arricchisce di un nuovo centro per l'arte contemporanea, con il MACI (Museo Arte Contemporanea Isernia), il primo in Molise, nelle sale del Palazzo della Provincia, inizialmente diretto da Pietro Campellone.
La programmazione del MACI prende il via con ''L'Arte in testa. Storia di un'ossessione da Picasso ai giorni nostri'', una vasta rassegna collettiva curata da Luca Beatrice, con oltre ottanta opere provenienti da importanti gallerie italiane ed internazionali, molte delle quali approdate in collezioni private del Molise. ''L'arte in testa'', oltre a rappresentare metaforicamente quella ''magnifica ossessione'' che sta alla base del processo creativo, è uno spaccato sugli ultimi trent'anni di arte: pittura, fotografie, sculture, video e installazioni nell'atto di dialogare con l'esistente e il contemporaneo.
Il percorso della mostra si apre idealmente con due opere di Picasso, artista simbolo del Novecento, la figura chiave in cui si condensano tutte le tematiche portanti dell'esperienza artistica del secolo scorso, una sorta di dedica al nume tutelare dell'avanguardia.

La mostra quindi prosegue toccando momenti cruciali, come la stagione della Pop Art, rappresentata tra gli altri da opere di Andy Warhol e Tom Wesselmann, e quella dell'arte concettuale internazionale, con opere di Joseph Beuys, Marina Abramovic, Salvo, Luigi Ontani, e dell'Arte Povera, con Giulio Paolini e Michelangelo Pistoletto.

La svolta pittorica della Transavanguardia è rappresentata dai cinque protagonisti, Chia, Clemente, Cucchi, De Maria, Paladino, mentre sul versante americano, fa da contraltare il neo minimalismo e la Graffiti Art con Jean-Michel Basquiat e Keith Haring, aprendo a quell'attitudine urbana che segnerà profondamente l'arte verso il 2000, in particolar egli artisti che usano la fotografia come mezzo primario d'espressione (es. Andres Serrano, Cindy Sherman, Georgina Starr, Nan Goldin).

L'articolato scenario dell'arte italiana degli anni 1990 si apre con alcune opere di Vanessa Beecroft e Francesco Vezzoli (tra i più noti sul panorama internazionale) anticipa la fine del percorso, che si conclude con uno sguardo sulla produzione più recente attraverso le opere di giovani come Andrea Salvino, Francesco Jodice, Gabriele Picco, Daniele Galliano.

MACI Museo Arte Contemporanea Isernia
Palazzo della Provincia Via Berta 1 86170 ISERNIA

autore: Claudio Varriano


Info: http://1995-2015.undo.net/it/mostra/18264


Commenta il post

Nome
 
E.Mail
Titolo
Commento




385
Letto
Twitter
Istagram
@claudiovarriano

www.iserniatour.it è un sito senza sponsor e senza nessun finanziamento, se questo post o altri ti sono piaciuti puoi sostenere questa iniziativa effettuando una donazione economica senza nessun limite (minimo o massimo).
Grazie, lo staff di iserniatour.it .
ad banner
Se desideri sostenere questo blog puoi contribuire cliccando sul tasto:
Grazie!

Trova nel sito:

Qualche cosa!!!

Some text..

Some text..