Foto articolo iserniatour.it - //www.molisetour.it/blog/foto/blog/bl_1809070805336006.jpg
Se sei curioso e vuoi sapere
altro clicca qui!


I ballerini


Era di fine agosto quando si sparse la voce che alla Letizia, il locale sulle rive del Volturno, ci sarebbero state delle serate in cui si ballava e, finalmente, si potevano agganciare tante ragazze.

Era di fine agosto quando si sparse la voce che alla Letizia, il locale sulle rive del Volturno, ci sarebbero state delle serate in cui si ballava e, finalmente, si potevano agganciare tante ragazze.

Fu così che Aldo Cinqueperotto, per sua stessa ammissione, toccò il fondo della sua comunque non sempre rispettabile carriera di ragazzino fetentissimo.

Insieme a Cosmo Ventresca, Cello e Paoletto Zecchinetto decisero di partire.
Zecchi era l'unico maggiorenne e, pur non avendo la patente, girava con una Mini Minor verde vomito.
I quattro cercarono di vestirsi con i migliori indumenti che avevano, al punto che Cello si presentò incredibilmente con il cappotto!!!

Aldo nonostante fosse poco più di un bambino era quello più chic.
Una volta per far colpa su una bella ragazza si presentò sotto casa di questa con il completino nuovo, quello dell'Inter !! Tanto per farvi capire il soggetto.

Comunque i quattro arrivarono a destinazione e mentre Cello come sempre non proferiva parola, gli adolescenti Ventresca e Aldo restarono timidamente in un angolo ad assistere alle evoluzioni di Zecchi.

Costui aveva puntato una ragazza che comunque non volle ballare con lui, nemmeno quando il nostro sparò di essere un attore.

Paoletto insisteva a rompere le palle; fortunatamente rimediò solo due cuppini e, i nostri, vennero cacciati fuori dal locale.

Per dispetto rubarono qualcosa e andarono via.
Nel far ritorno al Villaggio, sulla rampa dell'Ospedale, la macchina, senza benzina, si fermò.
Mandato finalmente affanculo Zecchinetto, gli altri tre si incamminarono verso casa e, giunti alle scalette, trovarono i genitori ad attenderli arrabbiati per il ritardo.

Aldo, con la solita faccia tosta, cercò di cavarsela : ''oh papà che ce vuò fa, semm bucat''.

Fu suo fratello ad avere lo sfizio di portarlo per un'orecchio a casa da dove, per una settimana, uscì solo per andare col padre alla bottega.

Quando incontrate questi tizi provate a chiedergli questa storia e vedrete Aldo che sbiancherà, Paoletto correrà via e Cello........... Cello vi guarderà e resterà muto, come sempre.

autore: Tonino Ferrara


Info: https://www.facebook.com/groups/1187025811335274/


Commenta il post

Nome
 
E.Mail
Titolo
Commento




700
Letto
Twitter
Istagram
@claudiovarriano

www.iserniatour.it è un sito senza sponsor e senza nessun finanziamento, se questo post o altri ti sono piaciuti puoi sostenere questa iniziativa effettuando una donazione economica senza nessun limite (minimo o massimo).
Grazie, lo staff di iserniatour.it .
ad banner
Se desideri sostenere questo blog puoi contribuire cliccando sul tasto:
Grazie!

Trova nel sito:

Qualche cosa!!!

Some text..

Some text..